Videosorveglianza tecniche installative

Qual´è la distanza di ripresa delle telecamere da videosorveglianza?

Le telecamere sono come l´occhio umano, hanno una capacità di visione che va da pochi centimetri fino all´infinito. Un aspetto fondamentale da considerare in un impianto di videosorveglianza è la

possibilità di riconoscere un soggetto, dunque, sebbene le telecamere siano capaci di riprendere una persona anche a distanza di 50 metri, sarà praticamente impossibile distinguerla, in quanto il volto sarà composto da pochi pixel del monitor; ad esempio, se l´area ripresa dalla telecamera ha un perimetro di 10×10 metri, la persona risulterà circa 2/10, dunque su un monitor di 640 pixel (monitor di videosorveglianza o TV), avrà un´altezza di circa 120 pixel, quindi il volto soltanto 12 pixel.

ALTA RISOLUZIONE

Un´elevata qualità delle immagini, rappresenta un fattore determinante per l´efficacia della videosorveglianza di persone e cose, permettendo la corretta interpretazione dell´evento o la rilevazione di elementi identificativi, generando una efficace azione di prevenzione e vigilanza. Dalle telecamere analogiche TVCC da 0,1 Megapixels, si è passati a telecamere di rete capaci di trettare risoluzioni di 0,3 (VGA),0,4 (4CIF), fino a 1 – 3 Megapixels, con compressioni MPEG4, MxPEG,H.264.  Un´ elevata capacità di eleborazione della telecamera, permette analisi ed archiviazioni locali che possono evitare l´invio continuo di una grande quantità di dati ma solo immagini in caso di evento o a seguito di richiesta da parte del centro di gestione o di altra modalità di trasmissione preimpostata.  Tale operatività minimizza il carico sulla rete di trasmissione ed ottimizza la capacità ed il dimensionamento del centro di gestione ed archiviazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »